La Pastiera Napoletana Di Romina ;D

Postato by Estrelia

Ho condiviso questa ricetta con un amico, Luciano Pignataro, partecipando al suo Pastiera Day e salvando la numerazione scaramantica 😛

Lui l’ha pubblicata sul suo sito  http://www.lucianopignataro.it/ , che vi consiglio di visitare ricco di nozioni e consigli enogastronomici ;

L’articolo che ha dedicato alla MIA Pastiera è QUI !!!

Ringrazio Luciano pubblicamente per la passione e la cultura che accompagna ogni suo articolo enogastronomico … ;D

Premessa :

Le origini della pastiera non sono note con esattezza, tutte le ipotesi hanno come fulcro il periodo pasquale, a conferma dello stretto legame tra la pastiera e questo rituale religioso.

La ricetta della vera pastiera napoletana non prevede l’aggiunta di crema pasticciera …. io invece preferisco la mia versione con la crema …. perchè è più dolce il suo sapore!!!
La teglia che utilizzo è grande ed e’ molto alta.

Ingredieti impasto:

700 gr di grano in scatola + 1/2 litro di latte intero
700 gr zucchero
1 cucchiaio di strutto
1 kg 200 gr di ricotta
10 uova da dividere in albumi e tuorli
1 bacca intera di vaniglia
fiori di arancio 1 bottiglina
liquore strega 2 bottigline piccole
acqua millefiori
1 pizzico di cannerlla
100 gr di cedro candito
1 limone non trattato grattuggiato
2 arance non trattate grattuggiate

Crema Pasticciera 300 gr

Ingredienti pasta frolla

(ho usato la frolla senza uova che utlizzo per le sfogliatelle frolle. si conserva in frigo anche per una settimana )

1 kg di farina 00
350 gr di strutto
400 gr di zucchero
200 gr di acqua
4 gr di ammoniaca

La sera precedente al mettere la ricotta ricoperta di zucchero in frigo, affinche si assorbi tutta l’acqua della ricotta.

Preparazione della pasta frolla:

Su una spianatoia, metterela farina a fontana al centro lo strutto e lo zucchero, l’acqua e l’ammoniaca.
Lavorare il tutto velocemente, formare una palla e metterla a riposare in frigo.

Preparazione impasto

Cuocere il grano in una casseruola con il latte, la buccia grattuggiata di un limone non trattato e di due arance non trattate, per circa un’ora a fuoco medio.

In una ciotola mettere la ricotta passata a setaccio con lo lo zucchero, e lavorarlo a crema, unire i
tuorli leggermente montati, 1 per volta facendoli amalgamare bene.
Montare gli albumi a neve ed amalgamarli al composto di grano cotto raffreddato.

Amalgamare il composto di ricotta ottenuto al composto di grano.

Aggiungere i semi di una bacca di vaniglia, la cannella, la bottiglina di millefiori, il liquore strega,, i fiori di arancio 1 bottiglina, il cedro e le scorzette di arancia candite.

Unire al tutto la crema pasticciera.

Stendere una parte di pasta frolla in un ruoto alto circa 10 cm, mettere tutto l’ impasto della pastiera,
con la rimanente pasta formare delle tagliatelle larghe 2 cm e adagiarle sull’impasto diagonalmente (come nella foto). Cuocere nel forno a 160 gradi per circa 1 ora e più.



Annunci

L’Agnellino di Pasta Reale

Postato da Frugiter
ecco un altra dolcezza… ma scrivo solo io? voglio vedere el vostre pastiere…..
allora la ricetta e lo stampo sono di gaia, una carissima amica palermitana del forum dolcicreazioni che mi ha seguita passo passo

300 g di mandorle macinate col bimby 20 sec turbo oppure farina di mandorle
220 g di zucchero
60 g acqua
estrato di aniglia
1/2 fialetta aroma di mandorle

metterelo zucchero nel bimby e polverizzarlo 15 sec vel 8
aggiungere l’acqua e preparare lo sciroppo 10 min 90° velocità 1
aggiungere la farina e la vaniglia 90° 5 min vel 3 antiorario
lasciare raffreddare dentro il boccale , quando è freddo mettere l’aroma, 10 se vel 6 antiorario
poi si divide la pasta in porzioni e si cerca di modellare bene il musetto e le orecchie. si mette dentro lo stampo fasciato di carta pellicola e si pressa bene. sitoglie il di dietro e si taglia con un oltellino la pasta in ecceso, poi si toglie delicatamente il davanti
si aggiusta il tutto e si fa riposare una giornata
adeso si colora coi pennarelli e i colori in polvere e si aggiungono gli accessori.. buona pasqua

agnelo-matorana-3

La Colomba a Lievitazione Naturale delle Sorelle Simili

Postato da Frugiter

Si fa in 2 giorni con 5 rinfreschi:
Partiamo:

Primo Giorno

primo rinfresco

50 g di LM
100 g di farina manitoba
50 g di acqua tiepida

impastare per 10 m, fare la palla mettere in una ciotola con  due incisioni a croce, tenere al caldo per 3 ore poi 1 ora a temperatura ambiente

secondo rinfresco

100 g del primo rinfresco
100 g di manitoba
50 g di acqua tiepida

coprire e fare lievitare per 10 ore
impastare bene per 10 m fare il salamino come per il panettone, metterlo nel tovagliolo legarlo e metterlo nel tegame come per il panettone

il giorno dopo prendete solo la parte morbida interna quella secca si butta

Secondo Giorno

primo rinfresco

50 g di LM
100 g di farina manitoba
50 g di acqua tiepida

lavorare come il primo rinfresco di ieri

secondo rinfresco

100 g del primo rinfresco
100 g di manitoba
50 g di acqua tiepida

fare uguale a sopra

terzo rinfresco

100 g del II rinfresco
100 g di manitoba
50 g acqua tiepida

fare uguale a sopra

adesso il lievito è pronto per l’impasto

Primo Impasto

240 g del II rinfresco
225 g di burro morbido
225 g di zucchero
400 g latte tiepido
2 uova
4 torli d’ovo
1 kg di manitoba
impastare molto bene questi ingredienti lavorando e battendo.. metterei n un a ciotola e fare lievitare 12 ore a 25° deve più che raddoppiare

Secondo Impasto

50 g zucchero al velo
60 g burro
30 g mandorle tritate sottili e tostate
300 g di scorza di arancia candita
2 torli
1 cucchiano colmo di sale
1 stecca di vanigli aperta per il lungo coi semi estratti colla punta del coltellino
5 forme da 500 g

amalgamare bene tutti gli ingredienti aggiungendo il II impasto e fate riposare 30 m, poi mettete l’impasto pesato nei contenitori a lievitare per 3-4 ore al caldo

La Glassa

75 g di mandorle pelate e tritate
130 g di zucchero
50 g di chiara d’uovo circa

mescolare tutto col cucchiaio di legno

La Copertura

75 g di mandorle intere non pelate
2 cucchiai di zucchero al velo
2 cucchiai di granella di zucchero

La Glassa

a liveitazione avvenuta coprire con la glassa usando una sac a bocchetta liscia, distribuendola soprattutto sui bordi per non appesantire il centro, guarnire con le mandorle intere.. lo zucchero in granelle e spolverizzare con lo zucchero al velo

cuocere in forno a 190° per 25 30m regolandosi con la prova stecchino…. non è necessario capovolgere gli stampi

colombine-brescia

fetta

queste sono alcune delle colombine che ho portato a brescia ad un raduno di forumine di dolcicreazioni.. ci incontriamo spesso e ci scambiamo dolci specialità
Buona Pasqua a tutte